Le chat e il bonton: cose da sapere sulla netiquette

Qualora per alcuni il significato di netiquette risultasse ignoto, è giusto chiarificare il tutto. Le chat, come qualunque altro ambito a sfondo socio relazionale, prevedono che ciascun fruitore del servizio assuma un comportamento tale da agire nel più totale rispetto degli altri membri di tale ambito; per questa ragione, è molto importante che ogni soggetto attivo all’interno di una chat scelga di relazionarsi con gli altri facendo della buona educazione il proprio punto di riferimento. Da qui il termine netiquette, ossia l’etichetta applicata alla sfera dei social network e più specificatamente, delle chat.

Il primo elemento del quale tenere conto corrisponde all’importanza della presentazione. Qualora non si conosca il proprio interlocutore, infatti, la netiquette prevede che entrambi i partecipanti alla conversazione abbiano premura di fornire qualche informazione in merito a sé, prime fra tutte il nome ed alcuni dettagli riguardanti ciò che contraddistingue la propria personalità.

Supponendo che il proprio interlocutore equivalga ad una persona già conosciuta, il bonton impone di scrivere nel rispetto di alcune modalità. Innanzitutto, l’utilizzo di caratteri maiuscoli viene vivamente sconsigliato, in quanto lo stesso lascia presupporre che quanto scritto debba apparire come un dialogo intriso di rabbia o desideroso di attirare su di sé l’attenzione.

Un comportamento alquanto maleducato, inoltre, è ricollocabile nell’utilizzo di volgarità e frasi oscene: elementi di questo tipo, oltre ad infastidire i potenziali interlocutori, conducono talvolta all’espulsione definitiva dalla chat della quale si fa parte. Tale espulsione viene puntualmente effettuata da coloro che gestiscono la chat, senza alcun preavviso.

Inoltrandosi nella sfera della netiquette, un ulteriore inclinazione che dovrebbe essere bandita equivale al flood, ossia alla tendenza nel ripetere la medesima frase nella medesima circostanza; per concludere, chiunque desideri apparire come beneducato, avrà il dovere di terminare una conversazione apponendovi i debiti saluti. Un’improvvisa disconnessione, infatti, è ammessa solo in circostanze dovute a cause di forza maggiore:  il disinteressamento, infatti, corrisponde ad uno degli atteggiamenti meno inclini al successo perseguibile all’interno di una chat.